itenfrdejaptrorues

  Visitatori:

Archivio News

IL PARCO NAZIONALE DELL’ALTA MURGIA ACCOGLIE IL PRINCIPE ALBERTO II DI MONACO

Protagonista il Castello del Garagnone e il suo antico legame con i Grimaldi
Fari puntati sul Castello che apre lo spot 2022 di Pugliapromozione girato da Sergio Rubini


Tappeto rosso oggi al Castello del Garagnone che ha accolto in visita il Principe Alberto di Monaco, in Puglia per ammirare i siti storici che un tempo furono feudo dei Grimaldi. L'illustre cerimonia si è aperta con l'inaugurazione di una targa da parte del Principe, alla presenza del presidente del Parco Francesco Tarantini, dell’assessora regionale all’Ambiente Anna Grazia Maraschio, di Lorenzo Marchio, vice presidente della provincia Bat e dei tredici sindaci dei comuni del Parco. Sulla targa è narrato il legame storico della Rocca con i Grimaldi di Monaco e raffigurato un suo antico dipinto olio su tela, collezione del Palazzo di Monaco.

«Una giornata memorabile per l’intero territorio murgiano – ha dichiarato Francesco Tarantini, presidente PNAM – La comunità del Parco ha avuto il privilegio e la gioia di accogliere il Principe Alberto di Monaco, affascinato dal castello e dalla meraviglia che lo circonda, tra i falchi grillai in volo, le ferule in fioritura e i suoni melodici delle pecore al pascolo. Contrariamente al suo secondo nome “Rocca invisibile” legato alla posizione in altura, il Garagnone vive una fase di una straordinaria visibilità. Oltre ad aver accolto un Principe, è il luogo scelto da Rubini per aprire lo spot “Puglia autentica meraviglia”, in onda su numerose TV e canali web.»

La visita del Principe ha celebrato l’antico legame tra i Grimaldi e la Rocca invisibile, loro feudo dal 1532 al 1641 concessogli dall’Imperatore Carlo V per la fedeltà agli Asburgo. Il Garagnone vanta origine antichissime di cui si hanno tracce a partire dalla metà del XII secolo come proprietà del Conte di Andria Ruggero. È l’unico castello su sperone di roccia presente in Puglia, edificato in età normanna e ricostruito a scopo difensivo, intorno al 1200, su volontà di Federico II di Svevia. Nel periodo federiciano il maniero fu registrato con il termine domus che ne indicava la funzione di controllo di assi strategici come la via Appia, ma anche di gestione di un territorio – la Terra di Bari – tra i più fertili per la produzione di cereali e la vocazione pastorale.

La relazione più attendibile sulla storia del Garagnone è datata 1695 e custodita nell’Archivio di Stato di Napoli. Lo descrive come un piccolo edificio con un ingresso coperto a lamia, due ambienti adibiti a stalle e un locale per la paglia al piano superiore, mentre nel cortile vi erano una cappella e due magazzini, su cui altri ambienti erano utilizzati come centimolo e forno.

Oggi il Garagnone è al centro di una piena valorizzazione del patrimonio storico e architettonico del Parco. È il luogo che apre lo spot 2022 di Pugliapromozione girato dal maestro Rubini, raccontando il paesaggio rurale e i suoi elementi più tipici come la pietra affiorante e greggi di pecore al pascolo. Per una migliore fruibilità del maniero e con l’obiettivo di valorizzarlo al meglio, di recente l’area di sosta è stata oggetto di lavori di ripristino, con il rifacimento dei muretti a secco, la pulizia del sito, la risistemazione delle panche e l’apposizione di cartelli e portabici.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn